Red, salti nel tempo ed amori struggenti – nessuno sfugge al proprio destino.

In realtà il libro che avevo scelto per aprire questa categoria del blog riservata alla recensione dei libri era un altro, ma i libri di cui sto per parlarvi mi hanno preso così tanto che sono giorni che non riesco a parlare d’altro.

Qualche giorno fa, gironzolando per la mia libreria, un libro ha catturato la mia attenzione. Non è stata nè la copertina, nè il titolo a farmi venir voglia di comprarlo. Il fascicolino promozionale diceva: “Attenzione: genera dipendenza. Leggere per credere”.
Così non me lo sono fatta ripetere due volte e l’ho preso sù, ho aperto la copertina e ho letto la trama. Qualcosa nel mio cervellino ha iniziato a scattare, ma a convincermi a comprarlo sono state le prime righe che ho letto.

Ho il piacere di presentarvi i primi due libri de “La trilogia delle Gemme”. Si tratta di Red e Blue dell’autrice tedesca Kerstin Gier.
Come ho già detto due titoli di questo tipo NON POSSONO dire nulla riguardo ad un romanzo, ed è stata una vera fortuna che qualcosa di questi romanzi mi attraesse.

Per farvi capire il livello di dipendenza che provocano, ho letto Red e Blue in 3 giorni ed entrambi superano abbondantemente le 300 pagine. Era dai tempi della saga di Twilight ed Harry Potter che un libro mi provocasse notti insonni e che mi facesse disconnettere con il mondo. Giusto ieri ho iniziato il terzo ed ultimo volume della saga, Green, ma non riesco ad attendere la fine di questo per potervene parlare.


GIER_RedRed, il primo libro, si apre con una grande fuga. Un ragazzo ed una ragazza vengono inseguiti da dei “guardiani” nel 1912. Dopo questo prologo movimentato, torniamo ai giorni nostri ed incontriamo la nostra protagonista. Si chiama Gwendolyn, ha 16 anni, ed il suo mondo, tutto quello che conosceva su di sé, sta per cambiare. La famiglia di Gwendolyn è molto speciale perché alcuni dei suoi appartenenti possono viaggiare nel tempo, pardon, effettuare salti nel passato. Ma questo, fino ad oggi, non l’è mai riguardato. Gwen non è mai stata preparata per questo destino, dato che la prescelta è sempre stata sua cugina, la perfetta-perfettina Charlotte. Gwen, contrariamente alla cugina, ha vissuto un’infanzia tranquilla insieme alla sua migliore amica Leslie, non come l’altezzosa Charlotte che è stata addestrata come una macchina da guerra sin dalla tenera età a compiere salti nel tempo, preparandosi fisicamente e psicologicamente a tutti i rischi che derivano da essi.

Per quanto Charlotte possa credere il contrario, Gwen non vorrebbe essere mai al suo posto, anzi pur non sopportando la cugina, Gwen in un certo senso la compatisce: Charlotte non avrà mai una vita normale. Ma cosa accadrebbe se la prescelta non fosse Charlotte? Se non fosse lei ad essere la portatrice del gene che permette di viaggiare nel passato?

Gwen all’improvviso viene catapultata in un mondo fatto di viaggi nel tempo, sette segrete, misteri da risolvere, dove non potrà fidarsi di nessuno, “nemmeno del suo istinto”. Che cosa proteggono i Guardiani? Qual’è il mistero dietro ai viaggi nel tempo? 

Ma Gwendolyn non sarà l’unica viaggiatrice del tempo, sarà accompagnata da un altro prescelto, Gideon de Villiers, occhi verdi e sorriso sprezzante, fare altezzoso, così irresistibilmente magnetico da rappresentare per lei una ulteriore sfida.

A far da contorno a questa storia già di per sé emozionante, rimane onnipresente nell’ombra la figura del Conte di Saint Germain, l’uomo che per primo ha scoperto come governare i viaggi nel tempo grazie all’utilizzo del Cronografo, padre dell’ordine dei Guardiani. Perché questo oscuro Conte dal 1700 continua a voler tenere le redini sul destino dei viaggiatori? Qual’è la profezia che si compirà quando il sangue di tutti i viaggiatori sarà imprigionato nel cronografo? E soprattutto, perché nessuno si fida del “viaggiatore di Rubino”, ovvero Gwendolyn?

Il mio rating: 

La prima cosa ad avermi colpito di questo romanzo è stata la costruzione della storia: Kerstin Gier si presenta come un’autrice capace di rendere semplice e lineare una trama che in realtà è molto più articolata e complessa di quel che sembra, essendo costruita su più epoche storiche che si continuano ad intrecciare. Inoltre, pur parlando di una protagonista adolescente, si presenta come un libro adatto a tutte le età, dotato di forte ironia e di dialoghi degni di Jane Austen, anche se il personaggio di Gwen non somiglia per niente ad una delle eroine Austeniane. Gwendolyn si lascia governare più dai sentimenti che dalla ragione – tanto per parafrasare il più noto tra i romanzi di Jane Austen, Ragione e Sentimento.

Fin dalle prime righe di prologo veniamo catapultati all’interno del romanzo dandoci subito l’idea che questa non sarà per niente una storia tranquilla, solleticando la nostra fantasia con un bell’inseguimento, forti emozioni e delle piccole citazioni storiche (es: il Titanic). I protagonisti del prologo sono Lucy Montrose e Paul De Villers, fuggono dopo aver nascosto qualcosa, per proteggerlo dalle persone che li stanno inseguendo.

Il primo incontro che abbiamo con Gwen è molto divertente, ci viene presentata questa stramba famiglia su cui padroneggia, come in una sorta di madre-matrona, Lady Arisa, la nonna di Gwendolyn. La parte descrittiva delle dinamiche familiari è molto curata ed ironica, visto che la voce narrante è la stessa Gwen e grazie a questo escamotage l’autrice riesce ad arricchire la narrazione con piccoli particolari che rendono il racconto molto familiari. Del resto la stessa Gwen spesso durante il romanzo ricorda che “una bugia ben detta è una bugia ricca di particolari”, sicuramente Kerstin sà come usare i particolari a suo favore.

Il rapporto di amicizia tra Gwen e Leslie non farà altro che ricordarvi i pomeriggi passati con la vostra migliore amica a chiaccherare di tutto e nulla. Leslie è la classica migliore amica a cui si può dire tutto, quell’unica amica che conosce tutto di te compreso il fatto che nella tua famiglia si tramanda un gene che permette di viaggiare nel tempo e che delle volte ti capita di incontrare dei fantasmi e di parlare con loro. Eh già, perché Gwen non ha solo la dote di viaggiatrice nel tempo, ma è anche in grado di parlare con i fantasmi come James, il fantasma che abita nella loro scuola.

Ogni personaggio, anche il più piccolo viene approfondito a dovere durante il corso del romanzo, ed è proprio grazie a questi personaggi che sono stati creati ed arricchiti con sapiente maestria, senza lasciare nulla al caso, riuscendo a dare il giusto spazio ad ognuno di loro, che il romanzo ha la particolarità di non risultare confusionario.

Parlando poi di personaggi che rimangono scolpiti nella memoria ecco che con i viaggi nel tempo arriva anche l’accompagnatore di Gwen, Gideon de Villers. Subito si presenta come altezzoso, prepotente e gradasso, in poche parole odioso. Per molti versi Gwen lo vede come Charlotte: un ragazzo che si sente perfetto sotto ogni punto di vista perchè tutti lo hanno sempre trattato in questo modo. Eppure, quando vede Gideon e Charlotte insieme non può fare a meno di provare una fitta di gelosia, un dolore sordo allo stomaco che fa esplodere tutte le insicurezze di Gwen, costretta a fare i conti con un destino che non ha mai desiderato, una cugina in fase depressiva ed una zia psicolabile che la accusa di aver voluto strappare via l’attenzione dalla sua bambina.

Attorno a tutto questo, che già di per sé rappresenta un grosso problema, ci sono i Guardiani. Tutti si aspettano qualcosa da Gwen, ma nessuno vuole metterla a conoscenza di tutto ciò che riguarda i viaggi nel tempo e sulla missione che devono compire. Gwen rappresenta la dodicesima viaggiatrice, colei che secondo le profezie completa il cerchio dei viaggiatori. Ma purtroppo, o per fortuna, un cronografo è stato rubato e la profezia non potrà mai compiersi senza il sangue di tutti i viaggiatori. Gideon e Gwen dovranno assicurarsi che il sangue dei dodici venga recuperato ed inserito nel secondo cronografo. I due viaggiando nel tempo visiteranno luoghi ed epoche fantastiche, saranno protagonisti di viaggi avventurosi e spaventosi, di duelli all’ultimo sangue ed episodi comici che renderanno inevitabile per Gwen ribellarsi alla sua attrazione per Gideon.

Oscuro burattinaio che tiene le fila della missione dei due viaggiatori e che dal passato coordina le operazioni della lobbie dei Guardiani è il Conte di Saint Germain. Di una sola cosa è sicura Gwen, il conte non le piace e ha le sue buone ragioni per temerlo.

Quello che vi ho presentato è, a mio parere, uno dei romanzi più avvincenti che abbia letto negli ultimi 4 anni. I romanzi di Kristen Gier in Germania sono esplosi come una bomba ad orologeria, pur essendo arrivato qui da noi già da un anno, trovo invece che in Italia tali libri non abbiano ancora ottenuto la giusta popolarità che in realtà gli spetta.

Il mio spassionato consiglio è questo: armatevi di portafoglio e correte tutti a comprare i 3 libri che compongono la Trilogia delle Gemme, sono sicura che non ve ne pentirete. Se non vi fidate così tanto da comprarli a scatola chiusa tutti e tre in un botto solo, comprate Red (del resto io stessa ho agito così), personalmente trovo che siano il miglior investimento che abbia fatto questo mese.

Ora vi saluto, Green mi aspetta e non vedo l’ora di scoprire che cosa accadrà nelle prossime pagine – ve l’ho detto, è una specie di droga.

A domani, vi prometto che inizierò a parlarvi anche di Blue!!

-Liz

GIER_Red“Red” di Kerstin Gier

“La trilogia delle gemme” Volume 1

Corbaccio Editore

Prezzo: 16.90

Annunci

2 pensieri su “Red, salti nel tempo ed amori struggenti – nessuno sfugge al proprio destino.

  1. Pingback: Un-read, i non letti

  2. Pingback: Blue, amori complicati e misteri oscuri – quale sarà il destino della viaggiatrice? « Un-read, i non letti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...