Matched, La scelta – “Non andartene docile in quella buona notte”.

Hanno perfezionato l’arte di darci solo il minimo indispensabile di libertà: quando siamo pronti ad azzannare, gli basta lanciarci un’ossicino, e noi ci rotoliamo, pancia all’aria, comodi e tranquillizzati come quel cane che ho visto una volta a casa dei nonni, nelle Terre Agricole. Hanno avuto decenni per perfezionare questa tecnica: perché mi sorprendo quando vedo che su di me funziona sempre, tutte le volte?


Inizia così una nuova avventura, riconosco di avere un debole per le saghe. Sarà una nuova forma di dipendenza? Molto probabilmente sì, ma me ne vanto! Così eccomi qui a recensire Matched, un libro che piano piano ha iniziato a piacermi sempre di più. Ricordiamoci che esco fuori appena ora dalla Trilogia delle Gemme, non poteva essere proprio amore a prima vista, ma devo dire Che Ally Condie ci è andata molto vicino!!

More about Matched

«Non andartene docile in quella buona notte, infuria, infuria, infuria contro il morire della luce».
Cassia non ha mai avuto dubbi: la Società sceglierà sempre il meglio per lei. Cosa leggere, cosa amare, in cosa credere.
E quando il volto di Xander appare sullo schermo dell’Abbinamento, il sistema che unisce individui geneticamente compatibili per creare coppie perfette, Cassia non ha incertezze: è lui il suo Promesso, il ragazzo giusto per lei. La sua gioia, tuttavia, non durerà a lungo: un malfunzionamento nel Sistema le mostrerà il volto di un’altra persona, proprio prima che lo schermo si oscuri, qualcuno che lei conosce, Ky Markham.
La Società le comunica che si è trattato di un errore tecnico, cosa rara in un mondo in cui le sviste non sono ammesse, ma Cassia non può impedirsi di pensare a lui, d’incontrare il volto del ragazzo in ogni suo sogno, in ogni suo pensiero. E una domanda, la più proibita e pericolosa, inizia a farsi strada: e se non fosse lei ad essere sbagliata? Se fosse Ky il suo vero Promesso?
Quale sarà la scelta di Cassia? Tra Xander e Ky, tra un amore obbligato ed un amore che è il simbolo stesso della ribellione, chi avrà la forza di scegliere?

Il mio rating: 

Cosa accadrebbe se la nostra vita fosse già completamente organizzata? Se qualcuno decidesse al posto nostro chi amare, che lavoro fare, cosa mangiare, quando morire? Questo è quello che accade nel mondo di “Matched”.

Era da tempo che questo romanzo mi balzava sempre davanti ogni volta che entravo in una qualsiasi libreria, forse è stato sciocco da parte mia non leggere subito il segnale che molto probabilmente lo avrei adorato.

Ci troviamo in un futuro orwelliano, dove la Società governa le Provincie ed i suoi abitanti. La razza umana è ormai ridotta a livello di automi che obbediscono inermi a tutto ciò che la Società chiede: la Società agisce per il bene di tutti. Ogni aspetto della vita quotidiana viene scandito da una rigida tabella: ore di lavoro, ore di studio, attività fisica, attività extra-scolastiche, persino il tempo libero diventa un’attività come le altre in quanto ai cittadini non vengono lasciate molte opzioni di scelta. Il cibo è solo uno strumento di sopravvivenza, un modo per ingerire le giuste sostanze nutritive. I cittadini sono del tutto uniformati, a distinguerli esistono solo i diversi lavori e le diverse funzioni, anche queste decise dalla Società.

Tutte le “scelte” che la Società compie avvengono attraverso un calcolo statistico ottenuto attraverso l’osservazione dei soggetti ed elaborato dalle avanzate tecnologie informatiche che definiscono così tutti gli aspetti di un individuo: dal cibo preferito, alle relazioni personali. Ciò però su cui si focalizza principalmente l’attenzione della Società è l’analisi del patrimonio genetico per combinare matrimoni utili alla conservazione ed al miglioramento della specie umana.

Nel mondo di Matched gli abbinamenti (appunto Match, da cui deriva il titolo) non vengono fatti per amore, ma per creare esseri sempre più perfetti. Non vi è spazio per il caso e non esistono imprevisti: l’Abbinamento è il mezzo che permette la creazione di esseri migliori, debellando malattie e prolungando la vita degli individui in modo che arrivino all’anzianità in perfetto stato di salute. Sarà poi la stessa Società a decidere quando un individuo dovrà morire, generalmente al compimento del suo ottantesimo compleanno.

Il libro si apre proprio sulla sera in cui si celebrano i Banchetti di Abbinamento. Cassia Reyes compie il suo 17esimo compleanno proprio questa sera ed è arrivato per lei anche il momento di partecipare finalmente al suo Banchetto. Curiosa di sapere chi le verrà assegnato, Cassia, come tutti del resto, ripone grande fiducia nelle scelte della Società: sa che il suo sarà il compagno perfetto. Ed infatti è proprio così, Cassia viene abbinata ad uno dei suoi più cari amici, un ragazzo che conosce da tutta la vita, Xander. Questa è davvero una cosa rara, già di per sé particolare, visto che raramente due ragazzi della stessa città vengono abbinati tra di loro. Cassia si sente davvero molto fortunata.

Ma come in ogni grande romanzo che si rispetti, accade l’inaspettato. Ai ragazzi abbinati viene consegnata una scatolina d’argento dentro la quale si trova una micro card con i dati del Promesso. Cassia trova superfluo dover “studiare” chi sia Xander, lei lo conosce già, sà già tutto di lui. Però da brava cittadina fa ciò che la Società si aspetta da lei, inoltre è curiosa di sapere se la Società consce aspetti di Xander a lei ignoti. Cassia inserisce la card nel suo portale, l’immagine di Xander appare subito sullo schermo, ma nel momento in cui Cassia avvicina la mano per selezionare le “Direttive sul corteggiamento” (già neanche il corteggiamento è fai-da-te…), l’immagine di Xander scompare. La voce registrata sulla micro card annuncia nuovamente la presentazione del promesso e una nuova foto appare sullo schermo: non si tratta di Xander! Cosa ancora più strana è che Cassia conosce comunque questo nuovo ragazzo, si tratta di Ky.

Ky è stato dichiarato come Aberrazione a causa di una colpa commessa dal padre, non può essere amato da nessuno e nessuno potrà amarlo. Allora perché la sua scheda si trovava tra quelle dell’Abbinamento?

Da qui inizia il cammino di Cassia verso l’autocoscienza, attraverso la scoperta che forse esiste una scelta. Cassia è pronta a scoprire di più. Grazie anche a suo nonno che il giorno del suo ottantesimo compleanno, giorno in cui egli è destinato a morire, le regala una poesia, qualcosa di così semplice quanto illegale. «Non andartene docile in quella buonanotte…», sarebbe facile ignorare Ky, ma Cassia non riesce a non pensarlo. Sarebbe ancora più facile scegliere la sua esistenza predestinata e vivere il suo Abbinamento con Xander. Ma c’è qualcosa in Ky che Cassia non riesce e non vuole ignorare. Così si ritrova a percorrere un percorso che nessuno ha mai avuto il coraggio di seguire. Cassia è pronta per sceglie l’amore e l’inaspettato?

Ally Condie è riuscita ad imbastire una trama davvero affascinante. Giocando un po’ con il mito del “Grande Fratello”, il romanzo raffigura bene un futuro che poi tanto impossibile non è. Il controllo esercitato dalla Società è subdolo, tutti credono ciecamente nelle sue rigide regole di comportamento e nessuno si fa troppe domande: finché c’è chi pensa per loro, perché dovrebbero preoccuparsi?
Cassia però scopre che all’interno della sua famiglia c’è qualcuno che non ha smesso di sperare. I suoi nonni, celando quella poesia di Dylan Thomas, non si sono mai arresi e persino nell’ultima ora della sua vita il nonno di Cassia «Infuria, infuria, infuria contro il morire della luce».

Quando poi Cassia inizia a frequentare Ky, sempre per un’altra falla del sistema, inizia a conoscerlo meglio e capire che Ky è diverso da tutti. Lui ha sofferto, ha provato emozioni e soprattutto non si è mai fatto abbindolare dalla Società e nel suo cuore non ha mai smesso di lottare. Cassia non si innamora di Ky per il suo aspetto cupo e misterioso, così diverso dagli altri. Cassia si innamora di Ky perché nei suoi occhi legge più di quanto riesce a scorgere negli occhi di chiunque altro, per la sua tristezza e solitudine che le fa capire quanto sia orribile un mondo che vieti ad una persona di amare ed essere amata.

L’amore negato, però, è solo un ingrediente della ricerca della libertà e non è il fulcro attorno cui ruota tutta la storia. Grazie ad una trama molto completa ed intricata che guida il lettore attraverso il romanzo, la storia non risulta essere per nulla melensa e svenevole, ma anzi una delicata malinconia avvolge le pagine di Matched che mai scade nella facile trappola del lacrimevole e del banale.

La protagonista di Matched, Cassia, rappresenta la voglia di scoperta, il desiderio di indipendenza ed autonomia. Non è la classica eroina pronta a sacrificarsi ad amore impossibile e crogiolarsi nel suo dolore, è semplicemente una ragazza alla ricerca della libertà di decidere chi amare. L’errore avvenuto sulla sua micro scheda le dà la possibilità di capire che nella vita si possono prendere strade diverse, strade scelte da noi stessi.

Il romanzo di Ally Condie è un piccolo romanzo di formazione, onesto nella sua semplicità. Sono molto curiosa di scoprire come sarà il secondo romanzo di questa saga, Crossed, spero che la Fazi Editore si sbrighi a pubblicarlo!!!

Se siete curiosi e volete leggere un pezzettino di Matched, potete trovare i primi due capitoli cliccando qui.

Il mio giudizio per ora è di 4 stelline. Ma sono sicura che il secondo romanzo saprà stupirmi!!

-Liz

Scheda Tecnica:

Autore: Ally Condie

Titolo: Matched

Editore: Fazi, Collana: lain

Pagine: 356

Codice isbn: 978-88-7625-116-0

Data pubblicazione: 12/05/2011

Prezzo in libreria: € 18,50

Annunci

4 pensieri su “Matched, La scelta – “Non andartene docile in quella buona notte”.

  1. Pingback: W… W… W… Wednesdays!! (4 Aprile) « Un-read, i non letti

  2. Pingback: Matched diventa film e verrà diretto da David Slade! « Un-read, i non letti

  3. Pingback: Speciale Saturday Book Fever – Da ieri nelle librerie: “Crossed” di Ally Condie « Un-read, i non letti

  4. Pingback: Nuovo regista per “Matched”! « Un-read, i non letti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...