“The Host – L’ospite” un libro di invasioni aliene, amore e sopravvivenza.

Visto l’imminente uscita del film, non potevo esimermi dal recensire un romanzo che ho decisamente amato: “L’ospite” di Stephenie Meyer.

Si consiglia di leggere il libro prima di vedere il film!!!

Più riguardo a L'ospite

In un futuro non troppo lontano, la specie umana sta scomparendo. Un’altra razza, aliena, potente e intelligentissima, ha preso il sopravvento. Questa specie aliena che non usa armi di distruzione di massa per conquistare il nostro pianeta, l’invasione avviene come un contagio, in modo silenzioso e nel momento in cui la popolazione comincia ad accorgersene, ormai è troppo tardi. Solo un pugno di resistenti è nascosto in zone inaccessibili per sfuggire ai nuovi dominatori.

Viandante è un’anima che si è appena insidiata in un corpo umano, di lei conserva le fattezze e gli ultimi ricordi. La legittima proprietaria che precedentemente occupava il suo corpo però non vuole arrendersi alla sua sorte: Melanie è ancora viva dentro di sé.

Si ritrovano così Melanie e Viandante, due anime che imparano a convivere e a conoscersi come fanno due coinquiline che fanno fatica a sopportarsi e che per ironia della sorte sono costrette a convivere in uno striminzito monolocale, nel nostro caso in un unico corpo, condividendo sensazioni e pensieri, tanto da non riuscire più a capire quando i sentimenti dell’una influenzino l’altra. 

La prima reazione di Viandante è quella che ci sia qualcosa di sbagliato, ma la sua società non sbaglia mai, ed inizia a pensare che ci sia qualcosa nel suo corpo che non vada. Ma nel momento in cui questi pensieri le si affacciano alla mente è la società stessa che trova un modo per legare Viandante a Melanie, assegnando loro un nemico comune: la Cercatrice che ha catturato Melanie.

L’istinto di entrambe le convince a non fidarsi della Cercatrice così, confusa e sopraffatta dagli eventi, Viandante si farà guidare da Melanie alla ricerca dell’ultimo avamposto umano, alla ricerca degli affetti che tengono ancora Melanie legata a questo mondo: Jared e Jamie.

Jared, l’uomo che Melanie ama profondamente, e che nonostante tutto non riesce a dimenticare. Neppure adesso che il suo corpo dovrebbe essere niente più di un guscio vuoto, un semplice involucro per l’anima aliena che le è stata assegnata. Perché l’identità di Melanie, i suoi ricordi, le sue emozioni e sensazioni, il desiderio di rincontrare Jared, sono ancora troppo vivi e brucianti per essere cancellati.

Jamie, il fratellino che Melanie ha sempre protetto e che spera di ritrovare, l’unico membro della sua famiglia ancora vivo.

Così Viandante, del tutto inaspettatamente, si ritrova invasa dal più umano e sconvolgente dei sentimenti: l’amore.

Spinta da questa forza nuova e irresistibile, accetta, contro ogni regola e ogni istinto della sua specie, di mettersi alla ricerca di Jared. Per rimanere coinvolta, insieme all’ostinata, appassionata Melanie, nel triangolo amoroso più impossibile e paradossale, quello fatto di tre anime e due soli corpi. 

Sarà così che Viandante, imparerà a conoscere meglio i sentimenti che contraddistinguono l’umanità, interrogandosi se la loro missione, rendere la terra un posto migliore, possa valere la perdita di tutte queste emozioni.

Sono passati molti anni da quando lessi per la prima volta “L’ospite” di Stephenie Meyer e, nonostante tutto questo tempo, per me è e rimane una storia assolutamente indimenticabile. So bene che regna dello scetticismo nei confronti di Stephenie Meyer, nel bene e nel male il fenomeno letterario di “Twilight” ha causato questo pregiudizio e sono poche le persone che riescono ad andare oltre il delirio che vi si è creato attorno. Personalmente mi sono imbattuta nella Meyer proprio all’inizio ed ho potuto leggere “Twilight” prima che uscisse il film, riuscendo così a farmi un’idea senza essere condizionata da nessuno. Ho amato l’intera Saga di Twilight e non mi vergogno affatto a dirlo, anzi, posso dire di aver amato ogni singola parola scaturita dalla penna della Meyer, come ho amato quelle della Rowling.

Stephenie Meyer viene molto spesso criticata per la sua scrittura troppo semplice, io tutta questa semplicità non la vedo, semmai trovo che la sua sia una scrittura lineare, precisa e scorrevole, capace di guidarti in una storia senza farti mai perdere il filo dei discorsi e degli avvenimenti. Oltretutto bisogna riconoscere alla Meyer il suo impegno nel creare dei personaggi completi, ben sfaccettati e non stereotipati, rendendo il suo stile unico nel suo genere.

Lo stesso tipo di scrittura e la stessa cura dei personaggi, lo si può senza dubbio ritrovare nelle pagine di “L’ospite“.

Ammetto di averlo dovuto leggere più di una volta per farlo mio, ero ancora troppo coinvolta da “Twilight” e la prima volta che lo lessi non seppi apprezzarlo nel giusto modo, vedevo la scrittura troppo lenta, ma in realtà non ero io nelle corde giuste, anche se potevo intuire che quello che avevo davanti era un romanzo davvero unico nel suo genere.

Partendo dall’idea di fondo, come sempre Stephenie Meyer riesce sempre a sorprenderci con le sue trame originali e raccontarci storie che mai avremmo creduto possibili, ma che raccontate dalle sue sapienti parole diventano uniche e reali. Stavolta la Meyer si è davvero superata, rendendo “L’ospite” un libro stupendo, capace di superare, a mio parere, il suo parente più prossimo: la Saga di Twilight.

Melanie e Viandante non potrebbero essere più diverse: la prima tenace, coraggiosa e cocciuta; la seconda un’anima dolce e pura, che non conosce la potenza dei sentimenti umani e ne viene sopraffatta. Entrambe si ritrovano a dover “combattere” per ottenere il controllo dello stesso corpo, prima l’una contro l’altra e poi insieme per cercare di salvarsi.

Quella delle due protagoniste è sicuramente una situazione anomala, viste con sospetto agli occhi della società, qui rappresentata dalla perfida Cercatrice che si accanisce su di loro; e sicuramente viste come un pericolo per la stessa Resistenza, che in ogni caso le accoglie/cattura nella sua comunità segreta.

Più che una storia di alieni e guerra per la sopravvivenza, questa è una storia di sentimenti, perché ciò che ci rende davvero umani sono proprio le emozioni che siamo in grado di provare.

Agli occhi delle Anime però questi sentimenti sono la causa dei problemi dell’umanità, la loro è una missione di salvataggio nei confronti del nostro mondo: siamo noi i veri cattivi della storia che, con i nostri sentimenti, sia positivi che negativi, abbiamo reso la Terra un posto peggiore.

Attraverso questa speciale ed improbabile convivenza, Viandante sperimenterà tutta una gamma di emozioni che mai pensava di essere in grado di provare, fino alla crisi più totale nel momento in cui un altro uomo si affaccia nelle vite di Mel e Viandante, rimettendo in discussione i sentimenti che Viandante aveva iniziato a provare per Jared.

“L’ospite” è un romanzo davvero stupendo, si legge facilmente, anche se la parte centrale risulta essere un pochino lenta, ma vi consiglio di non demordere e rimarrete davvero sorpresi.

I personaggi, anche quelli minori, vengono descritti con estrema cura e completezza. Le voci dei personaggi sono riconoscibili, tutti attori che conoscono bene il loro compito all’interno del libro, senza per questo risultare banali, ma semmai elementi portanti dell’intera storia.

Sono convinta che se glielo permetterete, Stephenie Meyer sarà in grado di incantarvi e creare quel filo empatico che lega sempre i suoi personaggi ai lettori. Questo romanzo mi ha fatta sorridere, piangere e, perché no, riflettere sulla potenza delle emozioni umane, per questo motivo la valutazione è di 5 stelline!

StarStarStarStarStar

Buona Lettura a tutti voi!!

-Liz

Annunci

4 pensieri su ““The Host – L’ospite” un libro di invasioni aliene, amore e sopravvivenza.

  1. Pingback: W…W…W.. Wednesdays (27 Marzo) | Un-read, i non letti

  2. Pingback: W…W…W.. Wednesdays (3 Aprile) | Un-read, i non letti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...