W…W…W.. Wednesdays (2 Aprile)

Buon pomeriggio Un-readers,

tutti pronti per il  “W…W…W… Wednesdays“?! Sostanzialmente i miei libri sono uguali a quelli della settimana scorsa, ma è sempre giusto condividere, quindi forza campioni: TIRATE FUORI I VOSTRI LIBRI!!

Come sempre dobbiamo la nostra rubrica a quei geniacci del blog “Should Be Reading”, scopo del gioco è quello di condividere le vostre letture con altri lettori, rispondete alle domande che troverete qui sotto e commentate!

www wednesdays

What are you currently reading?
Cosa state leggendo al momento?

What did you recently finish reading?
Che cosa avete appena finito di leggere?

What do you think you’ll read next?
Che cosa leggerete prossimamente?

W… W… W… di Liz:

  • citt_di_sabbia_lightWhat are you currently reading? – Cosa state leggendo al momento? Al momento sto leggendo “La Città di Sabbia” di Laini Taylor. Questo libro è toccante, costellato da scene drammatiche e affascinanti scenografie. Troviamo un mondo, Eretz, in guerra, dove non si risparmia nessuno, soprattutto gli indifesi. Laini Taylor ha la grande capacità di raccontare questa guerra, quella tra Chimere ed Angeli, in modo così personale da chiamare in causa i sentimenti del lettore. Stupendo!!
  • GIER_Green_DEF12What did you recently finish reading? Che cosa avete appena finito di leggere? Ho finito da poco di rileggere l’ultimo capitolo de “La Trilogia delle Gemme“, ovvero “Green” di Kerstin Gier. Ogni volta che rileggo la trilogia non posso fare a meno che innamorarmene di più. Dio, che donna geniale, merita tutto il mio rispetto e la mia stima. Se ancora non siete stati travolti dal fenomeno Gier, correte in libreria: non ve ne pentirete!!
  • TenebreEGhiaccioWhat do you think you’ll read next? Che cosa leggerete prossimamente? Credo proprio che il prossimo libro che leggerò sarà “Tenebre e Ghiaccio” di Bardugo Leigh.  Ridicolo sarebbe non ammettere che la prima cosa a colpirmi sia stata la copertina, come sempre l’occhio vuole la sua parte, seconda cosa: la trama. Leggendo altre recensioni in giro per il web, ho riposto grandi aspettative su questo libro e spero proprio di non rimaner delusa.

Ora tocca a voi: Che cosa avete appena finito di leggere? Cosa state leggendo al momento? Che cosa leggerete prossimamente? Aspetto le vostre risposte!!!

Buone letture a tutti voi!

Liz

Annunci

W…W…W.. Wednesdays (26 Marzo)

Buon pomeriggio Un-readers,

tutti pronti per il  “W…W…W… Wednesdays“?!

Come sempre dobbiamo la nostra rubrica a quei geniacci del blog “Should Be Reading”, scopo del gioco è quello di condividere le vostre letture con altri lettori, rispondete alle domande che troverete qui sotto e commentate!

www wednesdays

What are you currently reading?
Cosa state leggendo al momento?

What did you recently finish reading?
Che cosa avete appena finito di leggere?

What do you think you’ll read next?
Che cosa leggerete prossimamente?

W… W… W… di Liz:

  • citt_di_sabbia_lightWhat are you currently reading? – Cosa state leggendo al momento? Al momento sto leggendo “La Città di Sabbia” di Laini Taylor. E’ davvero stupendo ritrovare il mondo lasciato con la fine di “La Chimera di Praga“, mi sono così affezionata al personaggio Karou che non vedevo l’ora di immergermi di nuovo nel mondo delle Chimere e degli Angeli, anche se quello che trovo è un mondo di sofferenza e guerra. Come sempre Laini Taylor supera le mie aspettative, favolosa!
  • GIER_Green_DEF12What did you recently finish reading? Che cosa avete appena finito di leggere? Ho finito da poco di rileggere l’ultimo capitolo de “La Trilogia delle Gemme“, ovvero “Green” di Kerstin Gier. Ogni volta che rileggo la trilogia non posso fare a meno che innamorarmene di più. Dio, che donna geniale, merita tutto il mio rispetto e la mia stima. Se ancora non siete stati travolti dal fenomeno Gier, correte in libreria: non ve ne pentirete!!
  • TenebreEGhiaccioWhat do you think you’ll read next? Che cosa leggerete prossimamente? Credo proprio che il prossimo libro che leggerò sarà “Tenebre e Ghiaccio” di Bardugo Leigh.  Ridicolo sarebbe non ammettere che la prima cosa a colpirmi sia stata la copertina, come sempre l’occhio vuole la sua parte, seconda cosa: la trama. Leggendo altre recensioni in giro per il web, ho riposto grandi aspettative su questo libro e spero proprio di non rimaner delusa.

Ora tocca a voi: Che cosa avete appena finito di leggere? Cosa state leggendo al momento? Che cosa leggerete prossimamente? Aspetto le vostre risposte!!!

Buone letture a tutti voi!

Liz

Annunciato il titolo del secondo libro della “Trilogia Dei Sogni”.

Grandissime novità per tutti i fans di Kerstin Gier, la notizia è ormai di qualche settimana fa, però non posso esimermi dall’annunciarla: il secondo libro della “Trilogia Dei Sogni” uscirà in Autunno e si intitolerà “GOLD!!

Sono davvero molto emozionata, perché una delle trilogie che più ho amato negli ultimi anni, e se leggete da tempo questo blog non è di certo una novità, è sicuramente “La Trilogia Delle Gemme“. Per farvi capire quanto adori la Gier, dopo aver divorato “Silver“, primo libro della nuova serie dal titolo “La Trilogia Dei Sogni“, ho dovuto rileggere tutta “La Trilogia Delle Gemme“!! Oh Gwen, quanto mi sei mancata!! Oh Gideon, quanto mi sei mancato!! …Oh caro GOLLUM, mi sei mancato anche tu!!

Tornando all’argomento principale, le notizie non finiscono qui perché qui sotto troverete una lettera molto speciale che Kerstin Gier ha scritto rivolgendosi proprio a noi fans, mi raccomando: LEGGETELA SOLAMENTE SE AVETE GIA’ FINITO DI LEGGERE “SILVER” PERCHE’ CONTIENE POTENZIALI SPOILER!!

 

Continua a leggere

“Silver”, dove sogno e realtà sono uniti da porte speciali…

Mi guardai intorno indecisa.
Mi trovavo in un’altro corridoio, all’apparenza infinito, con tantissime porte a destra e a sinistra.
Quella più vicina era dipinta di verde carico, aveva borchie di metallo scure ed antiquate, una fessura per le lettere dello stesso materiale e una maniglia di ottone a forma di lucertola ricurva.
Di colpo ne ebbi la certezza: se volevo andare a fondo di quei sogni misteriosi, dovevo aprirla. Ed entrare.
Se ne avevo il coraggio.

Silver“Porte con maniglie a forma di lucertola che si spalancano su luoghi misteriosi, statue che parlano, una bambinaia impazzita che si aggira con una scure in mano… I sogni di Liv Silver negli ultimi tempi sono piuttosto agitati. Soprattutto quello in cui si ritrova di notte in un cimitero a spiare quattro ragazzi impegnati in una inquietante cerimonia esoterica. 
E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché Grayson e i suoi amici sono reali: frequentano la stessa scuola, da quando Liv si è trasferita a Londra. Anzi, per dirla tutta, Grayson è il figlio del nuovo compagno della mamma di Liv, praticamente un fratellastro. Meno male che sono tutti abbastanza simpatici. Ma la cosa inquietante – persino più inquietante di un cimitero di notte – Liv ha scoperto di avere accesso ai sogni degli altri. Attraverso porte dai colori e forme diverse entra letteralmente nell’inconscio dei suoi amici. Una faccenda affascinante, se non fosse che, da alcune frasi che capta durante il giorno, sembra che loro siano consapevoli della presenza di Liv nei propri sogni. Loro sanno delle cose su Liv che lei non ha mai rivelato, cose che accadono solo nei suoi sogni. Come è possibile? Come ciò possa avvenire resta un mistero, esattamente il genere di mistero davanti al quale Liv non sa resistere…

Ho atteso per così tanto tempo il ritorno di Kerstin Gier che ancora non mi rendo conto di aver già finito di leggere “Silver“!! Nonostante il lavoro, la casa, una vita sociale, sono riuscita a bermelo in 4 giorni, per me è davvero un primato, visto che ultimamente la mia fama di accanita e veloce lettrice stava andando a farsi benedire – la mia media nell’ultimo periodo si aggirava sui 10/15 giorni per libro -, ma devo davvero ringraziare Kerstin Gier per aver risvegliato in me il fuoco della lettura!!

Come sempre l’autrice si fa riconoscere per la sua scrittura scorrevole e la profondità dei personaggi. Se avete amato Gwen nell’appassionante “Trilogia delle Gemme“, rimarrete altrettanto estasiati dalla testardissima Liv: mente razionale, giusta quantità di autoironia mista a cinismo e passione irrefrenabile per i misteri. Continua a leggere

Green – La degna conclusione della Trilogia delle Gemme.

Il cerchio di sangue giunge a conclusione,
la pietra è dell’eterno realizzazione.
La veste della gioventù si accresce di nuova energia,
che dà potere immortale a colui che porta la magia.

Ma, attenzione, quando la dodicesima stella sorgerà
il destino di quanto è terreno si compirà.
La gioventù si scioglie, la quercia è condannata
a decomporsi in quest’epoca buia e odiata.

Soltanto quando impallidisce la dodicesima stella,
l’aquila raggiungerà per sempre la sua meta più bella.
Sappi dunque, una stella si consuma per amore,
se sceglie liberamente di struggersi il cuore.

Come ho già ampiamente pubblicizzato sono purtroppo giunta alla conclusione della Trilogia delle Gemme di Kerstin Gier. Questi tre romanzi mi hanno completamente assorbito per una buona settimana e mezza e reso difficili le giornate a lavoro, visto che la notte mi ritrovavo a leggere ad orari improponibili… ma questo è il bello della lettura!

Dopo una settimana di maturazione, ecco per voi la mia recensione di Green.

Green - Kerstin Gier«Sono davvero contento di aver chiarito le cose. In ogni caso resteremo sempre buoni amici, giusto?»
Quando un ragazzo dice così a una ragazza non è che la renda pazzamente felice. Se poi il ragazzo in questione è Gideon de Villiers, occhi verdi e capelli corvini, Gwendolyn Shepherd, la destinataria del messaggio, si sente precipitare decisamente negli abissi dell’infelicità. E sì, perché, nelle due settimane che le hanno sconvolto la vita, facendole quasi dimenticare di essere una normale studentessa di sedici anni di una normale scuola londinese, Gideon le era sembrato la sua unica ancora di salvezza. Solo da due settimane, infatti, Gwen ha scoperto di essere predestinata a viaggiare nel tempo per portare a termine una missione pericolosissima da cui dipende il destino dell’umanità intera. Una faccenda che, in realtà, non le interessa affatto, diversamente dalla cugina Charlotte, che era convinta di essere lei la predestinata e che era stata educata ad affrontare situazioni e persone di ogni tempo e ogni luogo. Solo per Gideon, il suo compagno di viaggi nel passato, Gwen ha trovato sopportabile l’essere sballottata da un secolo all’altro alla ricerca di un cronografo perduto, ma ora perché dovrebbe continuare a lasciarsi tiranneggiare dall’implacabile setta dei Guardiani? D’altra parte, è vero che a poco a poco sta scoprendo segreti insospettabili sulla propria famiglia che la riguardano molto da vicino. E poi, finché è sostenuta da amiche come Leslie e da piccoli gargoyle impiccioni e simpatici come Xemerius, la sua vita, oltre a essere piena di pericoli, può essere anche molto eccitante…

Il mio rating:  e anche di più!!

Quando si finisce un libro, generalmente, si è felici di giungere alla fine e scoprirne la conclusione. Quando si finisce un libro che appartiene ad una serie si è curiosi di scoprire cosa accadrà nel volume successivo e l’ansia dell’attesa accompagna l’uscita di un nuovo libro. Quando si finisce un libro e questo libro è l’ultimo di una serie alla quale ti eri appassionato, sono due i sentimenti che accompagnano tale avvenimento: da un lato ci si sente felici, perchè alla fine scopriamo il destino dei protagonisti; dall’altro è come se un vento gelido nascesse nello stomaco e si diffondesse per tutto il corpo insieme alla sensazione di dispiacere per aver concluso qualcosa di importante che non si ripeterà più.

Continua a leggere

Blue, amori complicati e misteri oscuri – quale sarà il destino della viaggiatrice?

Il corvo nel suo rubino volteggiare,
tra i mondi sente i morti cantare,
non conosce la forza, il prezzo ignora,
si leva il potere chiuso il cerchio é allora.

Il leone – fiero diamante,
incantesimo che offusca la luce folgorante –
al calar del sole arreca mutamento,
la morte del corvo palesa il compimento.

Eccoci giunti al secondo capitolo de “La Trilogia delle Gemme”, ovvero Blue. Anche a questo libro devo una notte insonne, solo una perché credo di averlo finito in 24 ore o poco più. La fortuna di aver iniziato a leggere la trilogia già completa mi ha permesso di passare dall’uno all’altro senza troppe pause e visto che Kerstin Gier ha il “vizio” di concludere i suoi romanzi su scene cruciali e mozzafiato, ho mormorato una piccola preghierina di gratitudine alla Corbaccio per aver già concluso la pubblicazione di tutti i romanzi.


Blue«Molto probabilmente il mio organismo aveva prodotto più adrenalina negli ultimi giorni che nei sedici anni precedenti. Erano successe così tante cose e avevo avuto così poco tempo per riflettere…».

Gwendolyn ha tutte le ragioni di questo mondo per pensarla così. Ha appena scoperto di non essere una normale ragazza londinese, bensì una viaggiatrice nel tempo che i Guardiani – una setta segreta che ha sede nel dedalo di vie intorno a Temple Church – invia nelle epoche passate per prelevare una goccia di sangue dai dodici prescelti e completare il Cronografo, una missione da cui dipendono i destini dell’umanità.
Peccato che la sua famiglia non l’avesse informata perché tutti erano convinti che la predestinata fosse l’odiosa cugina Charlotte e peccato che, di conseguenza, Gwen avesse trascorso gli ultimi sedici anni della propria vita a studiare (poco), giocare (molto), chiacchierare e divertirsi con le amiche come ogni ragazza. Mentre avrebbe dovuto imparare a tirare di scherma, ballare il minuetto, apprendere nozioni di storia universale e conversare in modo appropriato con l’aristocrazia del Settecento.

Quasi tutto, nella sua nuova situazione, la infastidisce: essere sballottata avanti e indietro nei secoli, la supponenza mista a invidia della cugina Charlotte, la noia delle lezioni di ballo e portamento… Poche cose le piacciono: il piccolo doccione fantasma Xemerius, che solo lei, Gwen può vedere e, naturalmente, il suo compagno di viaggi nel tempo: Gideon, bello da morire, anche se è talmente imprevedibile con lei da farla impazzire dal desiderio e dalla rabbia insieme. Invece, senza alcun dubbio, Gwen sa di cosa avere paura: del conte di Saint Germain, il grande burattinaio che tiene le fila di tutto e che vuole completare al più presto il Cronografo, prima che i nemici glielo impediscano. Ma chi sono veramente i nemici? Perché Gwen non riesce a fidarsi di lui?

Il mio rating: 

Se quella di Red è stata una lettura avvincente, con Blue l’autrice riesce a toccare punte di alta letteratura e rende onore al seguito di questa appassionante storia.

In Red avevamo lasciato Gwen e Gideon impegnati nella ricerca del sangue dei viaggiatori. Solo tre ne mancano per completare il cerchio dei dodici, tra cui Paul de Villiers e Lucy Montrose gli autori del furto del primo cronografo. Ed è di nuovo con loro che inizia Blue, con un nuovo prologo che li rende protagonisti di una delle loro prime avventure nel 1602. I due per un caso fortuito hanno uno spiacevole incontro, assistono ad omicidio. Non è tanto questo a sconvolgerli, quanto il fatto che conoscono l’assassino.

Tornando ai nostri tempi, Gideon e Gwen ricompaiono nel confessionale direttamente dopo il loro incontro/scontro con Paul e Lucy a casa di Lady Tilney nel 1912, dove si erano recati per prelevarle il sangue per inserirlo nel cronografo.
Le cose nel confessionale, già nel 1912, si stavano facendo serie tra Gwen e Gideon, così serie che non si accorgono neanche di essere ritornati al presente.

In questo frangente, Gwendolyn incontra quello che diventerà uno dei suoi più fedeli amici: Xemerius, un demone doccione che si accorge subito che Gwendolyn riesce a vederlo e soprattutto sentirlo. Già perché è praticamente impossibile non restare travolti dalla parlantina di Xemerius, simpatico ed ironico, con una spudorata passione per i gatti, riesce a rendere il ritmo del secondo capitolo della saga ancora più incalzante grazie ai siparietti comici che nascono dalle sue conversazioni con Gwendolyn.

Continua a leggere

Lettrice Nerd cerca di riprendersi da un romanzo strabiliante!

Buuuu tristezza infinita: ieri ho finito “La trilogia delle gemme” – posso tranquillamente dire ieri perché era già passata di un bel pezzo la mezzanotte, senza contare che quella stessa mattina sarei dovuta alzarmi per andare a lavoro alle 6.15, ma quando si legge qualcosa di veramente appassionante non esistono orari e scadenze…
In questo preciso momento sono nella “fase di lutto” per la fine di una serie che mi ha fatto completamente perdere la testa in quest’ultima settimana. Ovviamente, prima della fase del lutto ho vissuto quella del “ommioddio-ora-è-tutto-chiaro-l’autrice-è-un-genio-e-questo-libro-è-stupendo!!!”. Sono rimasta superentusiasta dalla conclusione del libro, tutti i tasselli sono tornati al loro posto e, a mio parere, se mai l’autrice avesse intenzione di andare avanti con la saga, ci potrebbe essere lo spazio per un seguito.

Insomma, dal quel che avrete capito, questi tre romanzi vanno acquistati, fidatevi di una che non si accontenta di poco e che ci ha messo secoli per “staccarsi” da Harry Potter e dalla saga di Twilight – tuttora nutro una forte dipendenza per entrambi. Comunque ho già deciso che rileggerò la trilogia di Kerstin Gier da capo, come si conviene per quei libri speciali, quelli che hanno la capacità di farti VIVERE in prima persona ciò che accade al protagonista. Perché esistono libri BELLI, e poi ci sono quelli che ti STREGANO, quelli per cui dimentichi il caffè sul fornello, la torta nel forno e a volte ti dimentichi anche di respirare perché sei troppo indaffarato a leggere che all’improvviso ti rendi conto di aver trattenuto il respiro per troppo tempo.
Mentre leggevo “La Trilogia delle Gemme” ho provato tutto questo, non ho mai smesso di credere di essere Gwendolyn: ero così immersa nella lettura che non mi rendevo conto di ciò che mi accadeva intorno, una sensazione stupenda!!

readingIn compenso ho iniziato un nuovo libro, Matched. Per ora ho letto solo i primi due capitoli, ma mi sembra già un romanzo molto interessante. Quindi non vedo l’ora di andare avanti, anche se un pochino il mio pensiero è rivolto ancora alle avventure nel passato di Gwendolyn e Gideon (o Gollum come lo chiama la sorella di Gwendolyn, ahaha)… Ok prometto che me la farò passare, non prima però di aver recensito Blue e Green!!

Intanto ditemi un po’, cosa state leggendo in questo sabato pomeriggio che ormai volge al termine? Scriveteci!!!

– Liz