W…W…W.. Wednesdays (23 Aprile)

Buonasera Un-readers,

tutti pronti per il  “W…W…W… Wednesdays“?!

Come sempre dobbiamo la nostra rubrica a quei geniacci del blog “Should Be Reading”, scopo del gioco è quello di condividere le vostre letture con altri lettori, rispondete alle domande che troverete qui sotto e commentate!

www wednesdays

What are you currently reading?
Cosa state leggendo al momento?

What did you recently finish reading?
Che cosa avete appena finito di leggere?

What do you think you’ll read next?
Che cosa leggerete prossimamente?

W… W… W… di Liz:

  • half badWhat are you currently reading? – Cosa state leggendo al momento? Sto ancora leggendo “Half Bad” di Sally Green ed è una droga!! Trama decisamente interessante e particolare, come particolare è la scrittura dell’autrice ed il suo modo di raccontare la storia. Sono davvero entusiasta di questo libro, lo capisco anche dal fatto che ho iniziato a rallentare il ritmo di lettura per farlo durare di più.. #cosedalettori!
  • TenebreEGhiaccioWhat did you recently finish reading? Che cosa avete appena finito di leggere? Ci ho messo davvero poco a finire “Tenebre e Ghiaccio” di Leigh Bardugo.  Devo dire che questo libro mi è piaciuto tantissimo, sorprendente e molto scorrevole grazie alla scrittura trascinante di Bardugo Leigh. Se siete curiosi potrete leggere il primo capitolo cliccando su questo link, sicuramente ve ne innamorerete.
  • La quinta ondaWhat do you think you’ll read next? Che cosa leggerete prossimamente? Il mio scaffale di libri “da leggere” sembra non sfoltirsi mai, non mi resta quindi che l’imbarazzo della scelta! Molto probabilmente che leggerò “La quinta onda” di Rick Yancey, anche se rimane sempre l’opzione “Outcast” di Alina Bronsky, che uscirà domani in libreria e non è detto che all’ultimo cambi idea e decida di fiondarmi su quest’ultimo… vedremo come andrà a finire!

Ora tocca a voi: Che cosa avete appena finito di leggere? Cosa state leggendo al momento? Che cosa leggerete prossimamente? Aspetto le vostre risposte!!!

Buone letture a tutti voi!

Desdemone (alias Liz)

 

 

 

 

 

 

Annunci

Teaser Tuesdays (22 Aprile)

Buonasera Un-readers!!

Spero che le vostre vacanze di Pasqua siano state ricche di cioccolato, divertimento e magari anche di libri!! Bando alle ciance eccoci pronti, magari un pochino appesantiti, per il Teaser Tuesday, preso in prestito come sempre dal blog “Should Be Reading”.

Conoscete le regole? Per partecipare non dovrete far altro che seguirle:

Should Be Reading• Prendete il libro che state leggendo.
• Aprite una pagina a caso.
• Condividete due “teaser sentences” o più. Ovvero due frasi, una di seguito all’altra, le più interessanti o particolati che trovate nella pagina.
• ATTENTI A NON SPOILERARE! (siate sicuri che ciò che volete condividere non dia troppe informazioni fondamentali!!).
• Condividete titolo e autore, così che gli altri partecimanti possano aggiungere il libro nella loro lista personale nel caso la frase stuzzichi la loro curiosità!

Teaser Tuesdays di Liz:

half bad“Poi iniziano i rumori. Sento sibilare e battere, ma non so se sono io che me li immagino o se sono rumori veri. I sibili sono orribili, continui; i colpi sono così forti che mi fanno sobbalzare. Cerco di prevedere il loro arrivo, ma non ci riesco. Tutto quello che posso fare è urlare”.

◊ “Half bad” – Sally Green, pag. 210.

 

Ora invece tocca a voi: SCRIVETE IL VOSTRO TEASER seguendo le nostre indicazioni e pubblicando nella sezione “commenti”, oppure potete scrivete sempre nella suddetta sezione il link al vostro blog per condividere con altri lettori il vostro teaser.

Grazie e buone letture a voi!

Liz

W…W…W.. Wednesdays (16 Aprile)

Buon pomeriggio Un-readers,

tutti pronti per il  “W…W…W… Wednesdays“?! Ci sono novità nella mia libreria, nella vostra invece? Aspetto notizie!!

Come sempre dobbiamo la nostra rubrica a quei geniacci del blog “Should Be Reading”, scopo del gioco è quello di condividere le vostre letture con altri lettori, rispondete alle domande che troverete qui sotto e commentate!

www wednesdays

What are you currently reading?
Cosa state leggendo al momento?

What did you recently finish reading?
Che cosa avete appena finito di leggere?

What do you think you’ll read next?
Che cosa leggerete prossimamente?

W… W… W… di Liz:

  • half badWhat are you currently reading? – Cosa state leggendo al momento? Ieri ho iniziato a leggere “Half Bad” di Sally Green.  Trama decisamente interessante e particolare, come particolare è la scrittura dell’autrice ed il suo modo di raccontare la storia. Sono ancora all’inizio e sto conoscendo il protagonista, Nathan, e per quanto ho letto fino ad adesso si capisce bene che il suo personaggio è destinato a sorprenderci!
  • TenebreEGhiaccioWhat did you recently finish reading? Che cosa avete appena finito di leggere? Ci ho messo davvero poco a finire “Tenebre e Ghiaccio” di Leigh Bardugo.  Devo dire che questo libro mi è piaciuto tantissimo, sorprendente e molto scorrevole grazie alla scrittura trascinante di Bardugo Leigh. Se siete curiosi potrete leggere il primo capitolo cliccando su questo link, sicuramente ve ne innamorerete.
  • La quinta ondaWhat do you think you’ll read next? Che cosa leggerete prossimamente? Il mio scaffale di libri “da leggere” sembra non sfoltirsi mai, non mi resta quindi che l’imbarazzo della scelta! Molto probabilmente credo che leggerò “La quinta onda” di Rick Yancey, anche se per settimana prossima è prevista l’uscita di “Outcast” di Alina Bronsky e non è detto che all’ultimo cambi idea e decida di fiondarmi su quest’ultimo… vedremo come andrà a finire!

Ora tocca a voi: Che cosa avete appena finito di leggere? Cosa state leggendo al momento? Che cosa leggerete prossimamente? Aspetto le vostre risposte!!!

Buone letture a tutti voi!

Desdemone (alias Liz)

 

 

 

 

 

 

W…W…W.. Wednesdays (9 Aprile)

Buon pomeriggio Un-readers,

tutti pronti per il  “W…W…W… Wednesdays“?! Ci sono novità nella mia libreria, nella vostra invece? Aspetto notizie!!

Come sempre dobbiamo la nostra rubrica a quei geniacci del blog “Should Be Reading”, scopo del gioco è quello di condividere le vostre letture con altri lettori, rispondete alle domande che troverete qui sotto e commentate!

www wednesdays

What are you currently reading?
Cosa state leggendo al momento?

What did you recently finish reading?
Che cosa avete appena finito di leggere?

What do you think you’ll read next?
Che cosa leggerete prossimamente?

W… W… W… di Liz:

  • TenebreEGhiaccioWhat are you currently reading? – Cosa state leggendo al momento? Ho iniziato oggi “Tenebre e Ghiaccio” di Bardugo Leigh.  Sono proprio alle prime pagine, ma devo dire che la scrittura di Bardugo Leigh è davvero trascinante, non vedo l’ora di rimettermi a leggere!! Se siete curiosi potrete leggere il primo capitolo cliccando su questo link, sicuramente ve ne innamorerete. Anche se sono ai primi capitoli sto già cercando informazioni sui prossimi libri, mai perdere tempo!!
  • citt_di_sabbia_lightWhat did you recently finish reading? Che cosa avete appena finito di leggere? Ho appena finito “La Città di Sabbia” di Laini Taylor. Questo libro è toccante, costellato da scene drammatiche e affascinanti scenografie. Troviamo un mondo, Eretz, in guerra, dove non si risparmia nessuno, soprattutto gli indifesi. Laini Taylor ha la grande capacità di raccontare questa guerra, quella tra Chimere ed Angeli, in modo così personale da chiamare in causa i sentimenti del lettore. Stupendo!! Non vedo l’ora che arrivi il terzo libro!!
  • half badWhat do you think you’ll read next? Che cosa leggerete prossimamente? Come avrete visto, sono decisamente piena di libri da leggere, ma credo che il prossimo libro che leggerà sarà “Half Bad” di Sally Green.  Trama decisamente interessante, dove il bene ed il male sono in lotta all’interno del mondo magico e che continua nell’animo del protagonista, inutile dirlo: sono estremamente curiosa!

Ora tocca a voi: Che cosa avete appena finito di leggere? Cosa state leggendo al momento? Che cosa leggerete prossimamente? Aspetto le vostre risposte!!!

Buone letture a tutti voi!

 

 

 

 

“Raven Boys”, baci mortali e re leggendari.

Era tanto che aspettavo di leggere un romanzo di Maggie Stiefvter, avrei tanto voluto leggere I Lupi di Marcy Fall ma il tema dei licantropi, protagonisti di quella serie,  non mi è mai stato molto affine. Per fortuna ho finalmente realizzato questo desiderio grazie a “Raven Boys” e l’ho letteralmente divorato!

Infinite volte le avevano fatto aprire la mano, esaminato il palmo, letto il futuro da un mazzo di carte con il bordo di velluto sparso sul tappeto del salotto di famiglia. I pollici venivano premuti sul mistico, invisibile terzo occhio che avrebbe dovuto trovarsi tra le sopracciglia. Venivano disegnate rune, interpretati sogni, scrutinate foglie di tè e condotte sedute spiritiche.
Eppure tutte le donne giungevano alla medesima conclusione, così brutale e inspiegabilmente specifica. Ciò su cui tutte concordavano, nelle diverse lingue della chiaroveggenza, era questo: se Blue avesse baciato il suo grande amore, egli sarebbe morto.

the raven boys“E’ la vigilia di San Marco, la notte in cui le anime dei futuri morti si mostrano alle veggenti di Henrietta, Virginia. Blue, nata e cresciuta in una famiglia di sensitive, vede per la prima volta uno spirito e capisce che la profezia sta per compiersi: è lui il ragazzo di cui s’innamorerà e che è destinata a uccidere. Il suo nome è Gansey ed è uno dei ricchi studenti della Aglionby, prestigiosa scuola privata di Henrietta i cui studenti sono conosciuti come Raven Boys, i Ragazzi Corvo, per via dello stemma della scuola, e noti per essere portatori di guai.
Blue si è sempre tenuta alla larga da loro, ma quando Gansey si presenta alla sua porta in cerca di aiuto, pur riconoscendolo come il ragazzo del destino non può voltargli le spalle. Insieme ad alcuni compagni, Gansey è da molto tempo sulle tracce della salma di Glendower, mitico re gallese il cui corpo è stato trafugato oltreoceano secoli prima e sepolto lunga la “linea di prateria” che attraversa Henrietta. La missione di Gansey non riguarda solo un’antica leggenda, ma è misteriosamente legata alla sua stessa vita. Blue decide di aiutare Gansey nella sua ricerca, lasciandosi coinvolgere in un’avventura che la porterà molto più lontano del previsto”.

 

Semplicemente leggendo la trama avevo riposto molta speranza in questo libro e sono davvero felice che questa mia prima esperienza con Maggie Stiefvater si sia rivelata positiva. Sono rimasta davvero affascinata dal mondo che l’autrice è riuscita a creare, riempiendolo di personaggi davvero singolari, leggende e misteri da risolvere.

Diciamo che il primo stadio della lettura di questo libro è stato una “leggera confusione” proprio perché l’autrice non perde tempo nel mettere in gioco subito tutti i personaggi, esagerando con i primi avvenimenti e soffermandosi molto sulle vite di ogni singolo elemento – cosa che in ogni caso apprezzo perché mi piace aver davanti dei personaggi ben costruiti. Il secondo stadio è la “voglia di sbrogliare la fitta trama” cercando di collocare ogni pezzo al suo posto. Il terzo stadio è stato “piccola tristezza” (e leggendo capirete perché) / “enorme soddisfazione” misto a “quando arriva il prossimo libro?“. Insomma sembrerebbe proprio che quella proposta da Maggie Stiefvarter sia la formula chimica perfetta che sta dietro alla dipendenza.

Il primo personaggio che incontriamo leggendo il libro è quello di Blue Sargent e la prima cosa che sappiamo di lei è la profezia che la riguarda: Blue Sargent avrebbe ucciso il suo primo amore. Blue ha passato metà della sua vita a cercare di capire come avrebbe potuto uccidere il suo vero amore con un semplice bacio, si è scervellata alla ricerca di una spiegazione logica arrivando ad una sola conclusione: il vero amore non esiste quindi lei non si sarebbe mai innamorata. Continua a leggere

“Ogni Giorno” – Hai mai sognato di essere un’altra persona?

Quando una trama ti colpisce non puoi far a meno di acquistare un libro, se poi il libro risulta essere all’altezza delle tue aspettative non puoi far a meno di essere assolutamente entusiasta di quello che hai appena finito di leggere, se poi alla fine scopri che l’autore è un genio e ha collaborato alla scrittura di un’altra storia che adori, capisci che queste 3 cose non sono una pura casualità. Questo è quello che mi è accaduto leggendo “Ogni Giorno” di David Levithan.

Da quando è nato, A si risveglia ogni giorno in un corpo diverso. Per ventiquattr’ore abita il corpo di un suo coetaneo, che poi è costretto ad abbandonare quando il giorno finisce. Di giorno in giorno, A può essere qualsiasi persona: uomo, donna, di qualsiasi etnia, di qualsiasi preferenza sessuale, l’unica costante è l’età, 16 anni. Affezionarsi alle esistenze che sfiora è un lusso che non può permettersi, non è concesso influenzarle perché è un peccato di cui non vuole macchiarsi. Gli succede da così tanto tempo che ormai ha imparato a non lasciarsi dietro tracce del suo passaggio.

Ma tutte le regole che si è creato, per proteggere la sua esistenza e quella del suo ospite, perdono significato quando però conosce Rhiannon. A si innamora, non è un amore condizionato dal ricordo che il corpo ha della persona che gli siede davanti, è LUI che prova questo sentimento e alla luce di questo chiudere gli occhi e riprendere il cammino da nomade è impossibile.

A cerca di stabilire un contatto, non è pronto a lasciare Rhiannon, così ogni giorno si sveglia e cerca di raggiungerla: mail, telefonate, disperate corse in macchina… tutto questo occupando ogni giorno un corpo diverso. Rhiannon all’inizio è spiazzata, capisce che è sempre A in corpi diversi, lui riesce a confessare la sua maledizione, fino a convincere Rhiannon che è tutto vero, che quello che ogni giorno si presenta da lei è la stessa persona. Continua a leggere

“The Host – L’ospite” un libro di invasioni aliene, amore e sopravvivenza.

Visto l’imminente uscita del film, non potevo esimermi dal recensire un romanzo che ho decisamente amato: “L’ospite” di Stephenie Meyer.

Si consiglia di leggere il libro prima di vedere il film!!!

Più riguardo a L'ospite

In un futuro non troppo lontano, la specie umana sta scomparendo. Un’altra razza, aliena, potente e intelligentissima, ha preso il sopravvento. Questa specie aliena che non usa armi di distruzione di massa per conquistare il nostro pianeta, l’invasione avviene come un contagio, in modo silenzioso e nel momento in cui la popolazione comincia ad accorgersene, ormai è troppo tardi. Solo un pugno di resistenti è nascosto in zone inaccessibili per sfuggire ai nuovi dominatori.

Viandante è un’anima che si è appena insidiata in un corpo umano, di lei conserva le fattezze e gli ultimi ricordi. La legittima proprietaria che precedentemente occupava il suo corpo però non vuole arrendersi alla sua sorte: Melanie è ancora viva dentro di sé.

Si ritrovano così Melanie e Viandante, due anime che imparano a convivere e a conoscersi come fanno due coinquiline che fanno fatica a sopportarsi e che per ironia della sorte sono costrette a convivere in uno striminzito monolocale, nel nostro caso in un unico corpo, condividendo sensazioni e pensieri, tanto da non riuscire più a capire quando i sentimenti dell’una influenzino l’altra. 

La prima reazione di Viandante è quella che ci sia qualcosa di sbagliato, ma la sua società non sbaglia mai, ed inizia a pensare che ci sia qualcosa nel suo corpo che non vada. Ma nel momento in cui questi pensieri le si affacciano alla mente è la società stessa che trova un modo per legare Viandante a Melanie, assegnando loro un nemico comune: la Cercatrice che ha catturato Melanie.

L’istinto di entrambe le convince a non fidarsi della Cercatrice così, confusa e sopraffatta dagli eventi, Viandante si farà guidare da Melanie alla ricerca dell’ultimo avamposto umano, alla ricerca degli affetti che tengono ancora Melanie legata a questo mondo: Jared e Jamie.

Jared, l’uomo che Melanie ama profondamente, e che nonostante tutto non riesce a dimenticare. Neppure adesso che il suo corpo dovrebbe essere niente più di un guscio vuoto, un semplice involucro per l’anima aliena che le è stata assegnata. Perché l’identità di Melanie, i suoi ricordi, le sue emozioni e sensazioni, il desiderio di rincontrare Jared, sono ancora troppo vivi e brucianti per essere cancellati.

Jamie, il fratellino che Melanie ha sempre protetto e che spera di ritrovare, l’unico membro della sua famiglia ancora vivo.

Così Viandante, del tutto inaspettatamente, si ritrova invasa dal più umano e sconvolgente dei sentimenti: l’amore.

Spinta da questa forza nuova e irresistibile, accetta, contro ogni regola e ogni istinto della sua specie, di mettersi alla ricerca di Jared. Per rimanere coinvolta, insieme all’ostinata, appassionata Melanie, nel triangolo amoroso più impossibile e paradossale, quello fatto di tre anime e due soli corpi. 

Sarà così che Viandante, imparerà a conoscere meglio i sentimenti che contraddistinguono l’umanità, interrogandosi se la loro missione, rendere la terra un posto migliore, possa valere la perdita di tutte queste emozioni.

Sono passati molti anni da quando lessi per la prima volta “L’ospite” di Stephenie Meyer e, nonostante tutto questo tempo, per me è e rimane una storia assolutamente indimenticabile. So bene che regna dello scetticismo nei confronti di Stephenie Meyer, nel bene e nel male il fenomeno letterario di “Twilight” ha causato questo pregiudizio e sono poche le persone che riescono ad andare oltre il delirio che vi si è creato attorno. Personalmente mi sono imbattuta nella Meyer proprio all’inizio ed ho potuto leggere “Twilight” prima che uscisse il film, riuscendo così a farmi un’idea senza essere condizionata da nessuno. Ho amato l’intera Saga di Twilight e non mi vergogno affatto a dirlo, anzi, posso dire di aver amato ogni singola parola scaturita dalla penna della Meyer, come ho amato quelle della Rowling.

Stephenie Meyer viene molto spesso criticata per la sua scrittura troppo semplice, io tutta questa semplicità non la vedo, semmai trovo che la sua sia una scrittura lineare, precisa e scorrevole, capace di guidarti in una storia senza farti mai perdere il filo dei discorsi e degli avvenimenti. Oltretutto bisogna riconoscere alla Meyer il suo impegno nel creare dei personaggi completi, ben sfaccettati e non stereotipati, rendendo il suo stile unico nel suo genere.

Lo stesso tipo di scrittura e la stessa cura dei personaggi, lo si può senza dubbio ritrovare nelle pagine di “L’ospite“. Continua a leggere