Saturday Book Fever! (26 Maggio)

Buon sabato cari un-readers, eccoci qui con il consueto appuntamento di ‘Saturday Book Fever’, ovvero l’angolo dedicato ai libri che suggeriamo per il week-end.

Questa volta la mia socia Liz ha passato il testimone a me (Padme) e mai come oggi la scelta per il libro che voglio suggerirvi è stata naturale e spontanea, e non vi stupirà visto che ne parlo da questa settimana. Ovvero..

‘Hunger Games: Il Canto della Rivolta’.

Si tratta del capitolo conclusivo di quella che è stata da molti incoronata come ‘Saga dell’anno’, e non hanno tutti i torti. Suzanne Collins ha rapidamente conquistato una fetta sempre più ampia di lettori, tanto da considerarlo un vero e proprio fenomeno editoriale. E Maggio è stato il suo mese ! Il 1 del mese è uscito nelle sale italiane ‘Hunger Games’ il film tratto dal primo libro, ed il 15 finalmente, la Mondadori ha pubblicato ‘Il Canto della Rivolta’, terzo e ultimo libro ! Volete un piccolo assaggio dell’incipit ?

“Mi guardo le scarpe e osservo il sottile strato di cenere che si deposita sulla pelle logora. Qui è dove c’era il letto che dividevo con mia sorella Prim. Laggiù c’era il tavolo di cucina. I mattoni del camino, crollati in un mucchio carbonizzato, fanno da punto di riferimento per il resto della casa. Come potrei orientarmi altrimenti, in questo mare di grigio? Non rimane quasi nulla del Distretto 12. Un mese fa, le bombe incendiarie di Capitol City hanno distrutto le misere casupole dei minatori di carbone del Giacimento, i negozi della città, persino il Palazzo di Giustizia. Solo la zona del Villaggio dei Vincitori è scampata all’incenerimento, non so bene per quale motivo… “

Cliccando QUI potrete leggere un estratto delle prime tre pagine pubblicato da Best Movie.

Che altro aggiungere ? Se siete fan della Saga sicuramente questo libro è già nelle vostre mani e lo starete divorando come me e sarete in febbrile attesa di sapere come andrà a finire.. se invece ancora non vi siete addentrati nel vortice ‘Hunger Games’  (eh eh, male male..) cercate in libreria i primi due libri, ‘Hunger Games’ e ‘La Ragazza di Fuoco’.. e sono certa, ne sarete rapiti !

Consigliateci come sempre i vostri libri, cosa leggerete durante il week-end?

Buona lettura e buon fine-settimana !

-Padme.

Annunci

Hunger Games: il terzo libro uscirà il 15 Maggio

Finalmente !!

Dopo varie voci che si rincorrevano, ed una data fino ad oggi del tutto fittizia, sappiamo per certo quando uscirà il terzo capitolo della Saga di Hunger Games !

La Mondadori infatti, pochi giorni fa lo ha confermato ‘Mockinjay’ meglio conosciuto da noi come ‘Il Canto della Rivolta’, uscirà in italiano il 15 Maggio, quindi tra meno di due settimane !

Come tutti saprete, non si tratta di un libro qualsiasi, ma dell’opera che conclude questa Saga, diventata un vero e proprio fenomeno letterario nel giro di pochi mesi: complice essenzialmente, il film uscito il 1 Maggio, ed ancora nelle sale. E devo dire che era davvero molto tempo che non provavo quell’eccitazione febbrile nell’attendere l’uscita di un  certo libro in libreria!

La ricetta migliore per attendere il 15 Maggio? Correre al cinema a vedere il film tratto dal primo libro, ‘Hunger Games’, sia fans che non. Per i lettori accaniti sarà fantastico vedere su pellicola la storia di cui ci siamo tanto appassionati .. per i i non-fans invece, sarà un’occasione per conoscere i giochi più sanguinari mai concepiti … e vi sarà poi impossibile non desiderare di leggerlo e sapere come continuerà la storia di Katniss, Peeta, Gale, e tutti i personaggi di questa Saga formidabile..

-Padme.

Depressione post-Saga, i lupi di ‘Shiver’ mi aiuteranno?

Ohh comprendo perfettamente le parole della mia socia Liz sulla parte ‘down’ dell’altalena emotiva che è terminare una Saga. Non riesco a non pensare a ‘The Hunger Games’, non riesco a non consigliare ‘The Hunger Games’… e non riesco a staccarmene.. complice la febbrile attesa per il film. Eh sì perchè se mi pubblicate, cari vertici di Lionsgate, ogni giorno una clip del film come faccio ad uscire da questo tunnel?

Allora ho pensato che come in amore ‘chiodo-schiaccia-chiodo’, ed ho deciso di getto di lanciarmi su un’altra Saga senza starci troppo a pensare.. e la mia scelta è ricaduta su ‘I lupi di Mercy Falls’ di Maggie Stiefvater, probabilmente ne avrete sentito parlare. Ma la scelta non è stata casuale.. chi mi conosce sa della mia diciamo non-simpatia nei confronti degli uomini-lupo, e per questo mi sono voluta auto-sfidare gettandomi su un genere che di solito non mi attirerebbe.

Messi da parte i miei sentimenti ‘anti- licantropeschi’ ho cercato di leggerlo il più obbiettivamente possibile e come sempre è stata una giostra si sentimenti.. ahahah ok lo ammetto, ultimamente sono sensibilmente incostante nei confronti dei libri (vedi ciò che pensavo all’inizio di ‘The Hunger Games’). All’inizio il primo libro della Saga , ‘Shiver’ mi ha presa, forse complice la novità, o la storia che via via dal nulla prendeva vita, o le caratterizzazioni dei personaggi. Ma in un tratto un po’ statico della storia ho deciso di mollarlo. Pensavo davvero non ne valesse la pena ed il personaggio protagonista femminile Grace, non so perchè, mi dava i nervi.

Poi però è prevalso l’orgoglio: non vincerà certo un libro sulla mia voglia di leggere (ahah sì capite che maturità? Litigo con i libri e li sfido), quando poi inconsciamente mi sono resa conto che dopotutto avevo voglia di sapere un po’ come sarebbe andato avanti, ha iniziato a prendermi di più, essenzialmente complice il fantastico personaggio maschile, Sam il ragazzo-lupo, vero perno interessante di questa Saga.

Quindi ancora una volta, sono felice forse di sbagliarmi e concedo a ‘Shiver’ le sue ultime 100 pagine per giocarsi tutte le sua carte e forse riuscire a frenare la mia avversione per i licantropi (sisi ‘ragazzi-lupo’ Sam, so che ci tieni alle precisazioni…).

-Padme

Hunger Games: amore, odio, fame, vendetta, e morte in Tv, tu starai a guardare?

The Hunger Games: ‘Hunger Games’ e ‘La Ragazza di fuoco ‘

di Susazanne Collins

Ancora una volta la vita è un semplice tributo al potere, mentre gli sfortunati partecipanti hanno diritto solo a uccidere o farsi uccidere in diretta nazionale

Non so quanto ‘The Hunger Games’ possa essere considerato un ‘Un-read’, perchè sono certa, con la prossima uscita del suo film, in moltissimi ne parleranno e lo leggeranno. Ma per ora è solamente un potente tam-tam via internet di una certa schiera di lettori che lo ha definito ‘La Saga’ di quest’anno. Ed essenzialmente questo mi ha spinto a leggere i primi due libri.

Essendo entrambi i libri molto brevi (140 pag circa ciascuno, ahaha roba che Tolkien usava 150 pag solo per descrivere le Mura di Minas Tirith) e così legati tra di loro, ho deciso di analizzarli entrambi, sentendomi un fiume in piena (ho giusto ora finito di leggere ‘La ragazza di fuoco’)

La Saga ( composta da tre libri, il terzo però disponibile solo a Maggio in Italia) è ambientata in un futuro non eccessivamente lontanto, dove il vecchio Nord-America è diviso in 12 poveri e deprimenti Distretti, sotto il potente controllo dell’autoritaria capitale, Capitol City. Per ricordare costantemente ‘chi comanda’, Capitolo City indice ogni anno gli ‘Hunger Games’ appunto, dove è costretto al sorteggio ogni ragazzo e ragazza del Distretto. Il libro viene narrato in prima persona da Katniss, ragazza combattiva e coraggiosa, che si offrirà volontaria come ‘tributo’ per i giochi, andando al posto della sorellina insieme a Peeta,ragazzo che imparerà a conoscere e ad apprezzare.
Ben presto, dalle parole di Katniss scopriamo cosa sono i ‘Giochi della Fame’.Tutti i ragazzi sorteggiati (due per ogni Distretto) verranno catapultati in un’arena sconosciuta ed infida, senza nulla se non le loro forze e le eventuali armi. I giovani sono ripresi 24 ore su 24 da telecamere,e dall’esterno, come un vero e proprio Grande Fratello, dove gli spettatori fanno il tifo o diventano ‘sponsor’ per il proprio beniamino: alla fine vincerà solo uno, al quale andranno fama e richezza, e cioè colui che rimarrà vivo sino alla fine dei giochi. Katniss schiva e cinica, e Peeta, dolce ed estroverso, riusciranno a sopravvivere ai bagni di sangue, ai mortali e letali trappole ideate per ‘fare audience’, complice la loro storia d’amore ideata ad arte per conquistare i favori del pubblico. Uno dopo l’altro assisteranno più o meno impotenti alle barbare uccisioni degli altri tributi, e si troveranno alla fine uno contro l’altro al termine degli Hunger Games. Ma Katniss non ci sta ad uccidere il proprio compagno (che per lei prova un amore tutt’altro che di facciata), e con una mossa inaspettata, minaccia di sconvolgere ogni piano delle gerarchie di Capitolo City….

Continua a leggere

Ebbene si.. misuro la qualità di un libro dalle occhiaie che mi provoca

Ahhh finalmente trovo il mio tempo per scrivere questo primo articolo per il Blog. Il mio nome lo sapete è Padme, e già dovreste intuire un certo retaggio NERD (se non sapevate che è una delle protagoniste di Star Wars bè male male miei cari.. se non avete visto Star Wars non è grave.. ma nel caso non avvicinatevi a me senza che vi abbia prima disinfettato. Ahahahah. Non scherzo.) Cosa mi spinge a scrivere e perchè amo tanto leggere, bè spero di averlo sapientemente spiegato nel ” Chi Siamo” che troverete in alto a destra nella nostra home nuova e tirata a lucido.
Forse per farvi capire il mio modo di approcciare ai libri vi devo portate ad esempio l’ultimo di due libri che sto leggendo ora.
La mia avventura con questo blog è iniziato con la lettura di una di quelle Saghe che ne sono certa, ne sentiremo parecchio parlare, anzi già se ne parla abbastanza: Star Wars. Ahaha nono stavolta scherzo, parlo di ” The Hunger Games” di Suzanne Collins. Amici più o meno nerd, con l’uscita imminente del film questa primavera, sono letteralmente impazziti per queste opere, che hanno conquistato anche lettori del calibro di Stephen King, non certo avezzo ai complimenti.
Prima missione ufficiale per questo blog è stato farmene una prima idea di questa Saga (composta da tre libri, ma il terzo in Italia ancora non è stato tradotto) anche se partivo leggermente prevenuta.
Pochi altri libri hanno alternato momenti in cui saltavo sul letto per l’eccitazione ad altri in cui dormivo. Quindi a giorni, a secondo libro di ” The Hunger Games” terminato, avrete la mia recensione ‘altalenante’.
Si perchè questa Saga ne è una dimostrazione.. il libro per piacermi ‘davvero’ ( e per piacermi non intendo ” Mmmh si carino dai..” ma ” Oddioooooooooo miticoooooo”, si in tono alla Homer Simpson) deve conquistarmi sin dalla prima pagina, deve incollarmi, deve far si che detesti andare avanti solo per timore di finirlo troppo presto .Diamine, pretendo le occhiaie da ore piccole il giorno dopo. Ebbene si.. misuro la qualità di un libro dalle occhiaie che mi provoca (Urca mi sto autocitando?Ahahah no ma poco egocentrica eh).

Quindi massì, concedo a ” The Hunger Games ” (non infuenzata dal film di cui appositamente non so nulla) quel poco che mi servirà per terminare di leggere la sua seconda parte, prima di stroncarlo, elogiarlo o definirlo ‘passabile’ (che è anche peggio di stroncarlo, a mio avviso) in maniera definitiva qui sul blog.

– Padme